Il sito di Cippi Pitschen

GALLERIA FOTO

Centinaia di fotografie selezionate dall'archivio fotografico del Cippi ... Una vita raccontata da immagini .

LINK / CONTATTI

Sezione dedicata ai link favoriti del Cippi e vari contatti

Per i più nostalgici : il vecchio sito internet del Cippi

IL PENSIERO

Chiedete a uno che ogni tanto si autodefinisce fotografo di negare l'immagine.
Chiedete a uno che per quarant’ anni ha camminato per le strade del mondo di negare ciò che ha visto. Certo, tante delle cose che vedo oggi vorrei che non fossero visibili, ma purtroppo esistono.
Bisognerebbe fare una piccola distinzione.
La realtà, ciò che è e va visto, e ciò che ci viene propinato come immagine, abbellito o censurato. Qualcuno di voi è abbastanza vecchio da ricordare quando su Playboy aerografavano via eventuali peli rubati dall'obbiettivo? Certo la Marilyn Monroe asessuata su sfondo di velluto rosso è un classico... ma torniamo alla realtà.
Ho appena finito di compilare al computer un libro di immagini: una traduzione dal cinese. Linguaggio in origine fatto di immagini.
Senza quelle la gente non avrebbe comunicato… Un ascensore dell'albergo in cui vivo ha le indicazioni in braille. Ho provato a chiudere gli occhi, a cercare il mio piano con uno dei miei polpastrelli callosi... solo la memoria visiva e retinea mi ha aiutato, altrimenti sarei ancora là dentro, forse anche un po' claustrofobico.
Perché negare qualcosa che ci è in fondo necessario? Perché non parlare di selezionare, scegliere, decidere le immagini? Tutti noi siamo aspramente censori di ciò che ci circonda (mai di noi stessi). Come si può mangiare un piatto di sushi senza guardarlo? O una fiorentina, se è per questo. Come si può non voler vedere il colore del vino rosso che scende in un balon? Non viviamo di sole immagini bidimensionali, non di soli bombardamenti televisivi, viviamo soprattutto di quel che gli occhi ci danno: sta a noi saper guardare e, per conseguenza fisiologica, vedere. L'unico incubo ricorrente che ho mai avuto, dalla lontana infanzia quando mio padre perse un occhio, è quello della cecità. Non mi piacerebbe. Chiedetemi di esercitare il mio diritto a decidere sul valore delle immagini che mi si presentano, chiedetemi la presunzione del giudicarle, ma non chiedetemi di negarle.
grazie
cippi pitschen (3.12.2000)

*filmato tratto dall'intervista a Cippi del 12/12/2009 a cura di

  • G. Paoletti
  • D. Zazzara
ULTIMI PROGETTI

E' uscito il IV atto di MURI BIANCHI POPOLO MUTO, l'ultimo capitolo delle storie sui muri fotografate da Cippi.
Per l'acquisto di copia del libro rivolgersi a Elisa della Bella , TAGETE EDITORE, Pontedera, Tel. 0587-56754 ,
e-mail etagete@email.it Pagine dedicate alla rassegna stampa

CONTATTI RAPIDI

templatemo icon

Email: luigisalibra@tiscali.it
Website: cippip.altervista.org

Copyright © 2010 Claudio Pitschen | Designed by Luigi Salibra